PROGRAMMA DEL CORSO DI ECONOMIA INTERNAZIONALE 

a.a. 2015-2016

.
(Include anche il corso di “Economia monetaria internazionale” per gli studenti del vecchio ordinamento) 

(per ogni dubbio scrivetemi)

.

Il corso è differenziato per studenti frequentanti e non frequentanti.

Sono frequentanti gli studenti che terminano positivamente tutte le esercitazioni indicate a lezione.

Se non sapete a quale delle due categorie appartenete, significa che siete non frequentanti.

.

PER I NON FREQUENTANTI:

  • l’esame è scritto (4-5 domande a risposta aperta, tempo variabile tra un’ora e un’ora e mezza, a seconda della difficoltà delle domande) e orale immediatamente a seguire (basato sulla discussione del compito scritto più alcune domande aggiuntive)
  • il materiale d’esame è presente nella pagina moodle del corso, nelle cartelle “materiale per tutti gli studenti” e “materiale per i non frequentanti” (attenzione: il materiale include i link a pagine esterne, lì elencati).
  • Il programma d’esame corrisponde a tutto il materiale presente nelle cartelle su indicate.

 

  • Gli studenti che lo desiderano, possono, senza alcun obbligo, complementare lo studio del materiale con la lettura di:
    • Colombo E. e Lossani M., Economia monetaria internazionale, Carocci, Roma. (attenzione: questo testo contiene molti, ma non tutti, gli argomenti contenuti nelle dispense)

 

.

PER I FREQUENTANTI:

  • l’esame è scritto, con eventuale esame orale opzionale. Nella valutazione finale verrà considerata principalmente la qualità delle esercitazioni svolte durante il semestre.
  • il materiale d’esame è presente nella pagina moodle del corso,  nelle cartelle “materiali per tutti” e “materiale per i frequentanti” (attenzione: il materiale include i link a pagine esterne, lì elencati)

 

  • il programma d’esame corrisponde a tutto il materiale presente nelle cartelle su indicate, e può essere riassunto come indicato sotto (attenzione: il programma si intende provvisorio fino alla fine delle lezioni, in quanto sono sempre possibili variazioni concordate con gli studenti in classe: tornate a verificare al termine delle lezioni!)
  • I seminari tenuti durante il corso non fanno parte del programma d’esame

.

.

 

PROGRAMMA D’ESAME (PER GLI STUDENTI FREQUENTANTI)

.

NOZIONI PRELIMINARI

  1. Richiami dai corsi precedenti (parte integrante del programma d’esame)
    1. Statistica economica: flussi e fondi della contabilità nazionale; definizioni e classificazioni nella bilancia dei pagamenti.
    2. Economia politica: scuole dell’economia e ideologie politiche; modelli di base della teoria economica marginalista (equilibrio del consumatore; equilibrio dell’impresa e del mercato in concorrenza perfetta), la teoria neoclassica (il modello IS-LM; mercato del lavoro in concorrenza perfetta), e relative critiche (paradosso del risparmio); nozione di aspettative statiche, adattive e razionali.
  2. La seconda globalizzazione
    1. le istituzioni pubbliche globali (IMF, WB, WTO, BIS) ed europee (Consiglio Europeo, Consiglio dell’Unione Europea, Commissione Europea, Parlamento Europeo; e dell’euro-zona: EcoFin, ECB, EBA, EFSF, ESM)
    2. Il contesto economico globale

 

ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE (INTERNATIONAL FINANCE)

  1. Definizione del tasso di cambio
    1. Tassi di cambio bilaterali ed effettivi. Il rapporto tra tasso di cambio e bilancia dei pagamenti.
    2. Il tasso di cambio reale e la competitività di prezzo. Le condizioni di Marshall-Lerner.
  2. Modelli di determinazione dei tassi di cambio in regimi di cambio flessibile
    1. La parità dei poteri di acquisto
    2. La parità scoperta e coperta dei tassi d’interesse (il modello di portafoglio)
    3. Un modello monetarista
  3. Il sistema monetario internazionale
    1. cenni di storia e teoria dei sistemi monetari internazionali;
    2. Vantaggi e svantaggi dei regimi di cambi fissi e flessibili. Il trilemma della politica economica.
    3. Il dilemma di Triffin.

 

ECONOMIA INTERNAZIONALE

  1. Teorie del commercio internazionale
    1. La teoria classica (Ricardiana) dei vantaggi assoluti e comparati
    2. La versione neoclassica: il modello Heckscher-Ohlin-Samuelson (HOS)
    3. Un semplice modello NEG (nuova geografia economica)
    4. Cenni di politica commerciale: gli effetti di dazi e tariffe
  2. Macroeconomia di un’economia aperta
    1. Il modello di Mundell-Fleming: efficacia della politica fiscale e di quella monetaria in regimi con alta e bassa mobilità dei capitali, con tassi di cambio fissi e flessibili. “Piccole” e “grandi” economie. Il “dilemma di politica economica” e la politica valutaria.
    2. La crescita economica in un’economia aperta: la “legge di Thirlwall”

 

HANDS ON

  1. Esercitazioni (dettagli forniti in classe)
    1. Test (scritto) in itinere, sul modulo di commercio internazionale
    2. Due o tre post sul blog di economia internazionale, su un paese a scelta e su un rapporto fornito dal docente
    3. Presentazione finale, sulle teorie del tasso di cambio applicate a un paese a scelta
.

LETTURE OPZIONALI

E’ caldamente consigliata la lettura di quotidiani diversi, almeno qualche giorno della settimana, quantomeno per quanto riguarda le sezioni di politica, economia, esteri. Può inoltre essere interessante leggere qualche contributo nei seguenti siti di commento e analisi in italiano:

lavoce.info 

economiaepolitica.it

insightweb.it

keynesblog.com

sbilanciamoci.info

e in inglese:

project-syndicate.org

voxeu.org

bruegel.org

.

 

Per gli studenti interessati alla crisi economica, è consigliata la lettura di uno o più dei seguenti:

  • Roncaglia A. (2010), Economisti che sbagliano. Le origini culturali della crisi, Laterza, Roma-Bari.
  • Roubini N. e Mihm S. (2010), La crisi non è finita, Feltrinelli, Milano.
  • D’Ippoliti C. (2012), Crisi: (come) ne usciamo?, L’asino d’oro, Roma.
  • Soros G. (2008), Cattiva finanza, Fazi, Roma.
  • Reinhart C.M. e Rogoff K.S. (2010), Questa volta è diverso. Otto secoli di follia finanziaria, Il Saggiatore, Milano.